La recensione delle Puma Future 5.1

La recensione delle Puma Future 5.1

Se avete visto recentemente una partita qualsiasi di Serie A, piuttosto che di Liga o di Premier League, le avrete notate. Difficile non farlo: sono le nuove Puma Future 5.1, il modello su cui Puma ha puntato moltissimo per il suo 2020.

In campo e non solo, considerando la campagna pubblicitaria che ha coinvolto tutti i principali testimonial Puma: Griezmann, Reus e Suarez su tutti.

In Italia, i volti, meglio, i piedi principali coinvolti sono quelli di Skriniar e Di Lorenzo. Romelu Lukaku, sembra apprezzare molto le Future (lo abbiamo spesso pizzicato in qualche partita e in allenamento con queste scarpe) anche se ufficialmente è testimonial delle Puma ONE e delle King.

Grazie a Puma abbiamo avuto la chance di mettere alla prova del campo queste scarpe “chiacchieratissime” e allora ecco la nostra recensione delle Puma Future 5.1.

Recensione Puma FUTURE 5.1 | L’estetica

A livello estetico la Future 5.1 è una rielaborazione in senso migliorativo della 4.1. Puma ha scelto un approccio da grande casa automobilistica: “Miglioro e ritocco quel che già ha avuto successo”.

Notevole la scelta dei colori delle prime collezioni: il giallo (insieme alla versione, azzurra) come colore base, con tanti dettagli neri sulla tomaia che trasmettono l’idea di una scarpa molto elaborata.

Chi sceglierà le Puma Future 5.1? Solo chi gradisce essere notato in campo: l’occhio vuole la sua parte e vi assicuriamo che con queste ai piedi, la gente si domanderà immediatamente che scarpe state indossando.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da footbAll Nerds™ (@football_nerds) in data:

Recensione Puma FUTURE 5.1 | Perché sì?

La risposta si può dare in termini calcistici: perché le Puma Future 5.1 sono il classico giocatore di cui ti puoi fidare. Con addosso questo modello, la sensazione è esattamente quella: sicurezza e affidabilità, sempre.

Per questo sono perfettamente adatte – grazie anche all’allacciatura personalizzabile sulla tomaia NetFit – a un giocatore con la pianta del piede larga, ma possono essere indossate con ottimi riscontri anche da chi invece ha il piede più sottile.

Nei 90’ non danno mai la sensazione di instabilità e l’ormai nota tacchettatura “mista” (conici e lamellari) accentua il comfort, anche sui campi in erba sintetica.

L’ormai collaudato collarino in evoKnit, poi, aiuta la scarpa ad avvolgere il piede e la sua altezza ben calibrata fa sì che chi la indossa si senta comunque molto libero nei movimenti.

Recensione Puma FUTURE 5.1

Recensione Puma FUTURE 5.1 | Perché sì?

Ma l’upgrade forse maggiore è quello riguardante la tomaia, specie sulla parte anteriore. Assottigliando il tessuto la nuova Puma Future è ancora più comoda per il piede e “morbida” a contatto con la palla, eliminando quella che poteva essere una delle pochissime perplessità legate alle due versioni precedenti.

Parliamoci chiaro: quella delle Future 5.1 è al momento una delle migliori – se non la migliore – calzata sul mercato fra le versioni Elite dedicate ai professionisti. Portarla anche sui nostri campi è davvero un piacere.

Recensione Puma FUTURE 5.1 | Perché no?

Tra i pregi delle Puma Future 5.1 abbiamo sottolineato la versatilità, la possibilità cioè di adattarsi a diverse tipologie di giocatori e di piede.

Future nasce come ibrido, ma questa versatilità potrebbe non piacere a chi ama strutture più tradizionali o scarpini senza compromessi. Non c’è nulla di male, dipende da gusti e esigenze.

Infine un dubbio estetico: la “rete” che fascia la parte superiore della Puma Future 5.1 è molto morbida e favorisce come abbiamo detto il comfort.

Tuttavia la silhouette, per evitare l’effetto “Pato” (papero), è forse più adatta a chi ha una corporatura e una gamba importante, piuttosto che a un giocatore esile.

Recensione Puma FUTURE 5.1 | Conclusioni

Le Puma Future 5.1 sono scarpe comodissime, super affidabili, adatte a quasi tutte le superfici (forse la terra rischierebbe di rovinare velocemente la parte morbida della tomaia) e per questo ci sentiamo di consigliarle. Sono generalmente molto resistenti se si è soliti giocare su campi in erba sintetica, motivo in più per consigliarle, visto il prezzo di mercato.