Mizuno Morelia Neo 3 Beta

Mizuno Morelia Neo 3 Beta

Lo scriviamo spesso e vale anche questa volta: ogni volta che Mizuno Football arriva con una delle sue (rare, e per ciò stesso ancora più preziose) release, fatichiamo a contenere l’eccitazione. Come nel caso di questa Mizuno Morelia Neo 3 Beta (o β), terza generazione più moderna e leggera del classco della casa giapponese, nato 35 anni fa.

Le collezioni Runbird DNA e Reach Beyond

Arrivata a giugno 2020 in due distinti pack (Runbird DNA – bianco – e Reach Beyond – blu), la Morelia Neo 3 Beta è in pratica la terza versione delle Morelia “moderne” dopo quella del 2011 e il restyling del 2016.

I punti focali su cui ha lavorato il brand sono due: leggerezza e velocità, sempre naturalmente con la migliore K-leather di qualità in circolazione, una qualità che si esalta particolarmente nelle versioni Made in Japan.

Morelia Neo 3 Beta: le novità

Anche se a livello estetico lo scarpino non sembra essere poi così differente dalla Neo 2, le novità sono sostanziali. Una su tutte, il nuovo calzare β knit in tessuto, che permette di accogliere perfettamente il piede al suo interno per il massimo del comfort.

Mizuno Morelia Neo 3

Scompare dalle Neo 3 β la classica linguetta minimal propria delle Morelia Neo, mentre l’allacciatura rimane di tipo tradizionale. Rivista in maniera abbastanza visibile anche la parte del controtallone, alleggerita e più pronunciata per una calzata migliore grazie anche all’uso del knit.

La K-leather della tomaia è di primissima qualità ma lo scarpino, in termini di peso, non ne risente: 190 grammi il peso accreditato dal produttore giapponese, grazie anche al fatto che la pelle sia sostanzialmente riservata alla sola parte anteriore della scarpa, mentre il resto dello chassis è realizzato in un leggerissimo materiale sintetico, sulla scia di quanto visto sul “prototipo” Neo 2 β a fine 2019.

Mizuno Morelia Neo 3

Per realizzare la Morelia Neo 3 Beta (e le sue sorelle, come vedremo più avanti) pare siano state modificati i leggendari calchi che vengono usati per dare la forma alle Morelia, un procedimento che nel caso delle edizioni MIJ (Made in Japan) dura ben 24 ore.

Sull’avampiede ora le dita trovano più spazio, in modo che la calzata resti fasciante ma comoda, garantendo una libertà di tocco maggiore ma con le stesse caratteristiche che hanno reso celebre la Morelia Neo nei quasi dieci anni di vita.

La suola

Restyling anche per la suola, alleggerita e resa più flessibile grazie a una nuova struttura interna a nido d’ape. L’intento non è solo quello di “perdere peso”, ma anche quello di rendere le Morelia Neo più adatte alle nuove generazioni di campi, ormai diffusi in tutto il mondo.

Lo testimonia anche la scelta di una nuova resina per i tacchetti, che li rende più resistenti, e la trasformazione in lamellare del tacchetto centrale sotto l’avampiede.

Sparisce, rispetto al passato, la tradizionale rivettatura metallica per fissare la suola al resto dello scarpino.

Le colorazioni

Le due colorazioni di lancio di questa Mizuno Morelia Neo 3 sono affascinanti ma estremamente semplici.

Per il pack “Runbird DNA” si assiste a un ribaltamento dei colori originali di Morelia, con tomaia bianca, logo e suola nere e dettagli rossi.

La Mizuno Morelia Neo III β “Reach Beyond” è invece completamente blu elettrico (Reflex Blue) con dettagli bianchi e un tocco di rosso sotto la suola.

Mizuno Morelia Neo 3: tutti i modelli

La gamma derivata dall’introduzione delle Morelia Neo III è piuttosto variegata. La già descritta Neo 3 Beta – “l’ammiraglia” della nuova gamma – è presente in due modelli, Made in Japan (€ 310 circa) ed Elite (€ 180). Accanto a queste anche la Morelia Neo 3 Pro (€ 115), più tradizionale, con un mix di k-leather e pelle sintetica BareFoot, suola differente e senza il calzare in β knit.