La recensione delle Mizuno Morelia Neo 3 β Made in Japan

La recensione delle Mizuno Morelia Neo 3 β Made in Japan

Abbiamo indossato le Mizuno Morelia Neo 3 β nella prima uscita post lockdown: un pallone, l’erba umida del in perfetto stile Premier League e le nostre Mizuno ci hanno restituito la passione per questo sport magico.

Siamo tornati a percepire la vita da rettangolo verde: la motivazione che da anni ci spinge a parlarvi di scarpini e materiale tecnico!

Scopriamo insieme come abbiamo trovato questi scarpini in campo. Ecco la nostra recensione.

Comprale QUI!

Recensione Mizuno Morelia Neo 3 – Perché Sì

Dal punto di vista estetico le Morelia Neo mantengono la loro identità classica con tomaia monocolore che varia negli inserti. Difficile dire quale colorazione amiamo di più. Diteci voi qual è la vostra preferita nei commenti ai nostri post su Instagram e Facebook!

Dal punto di vista tecnico, la grande novità rispetto alle Morelia Neo 2 è sicuramente la parte superiore della tomaia dove la linguetta in Knit è stata inglobata garantendo così una maggiore stabilità durante le giocate e eliminando il fastidioso movimento che spesso la linguetta crea durante le fasi di gioco. Anche la superficie di calcio grazie a questa innovazione è più stabile e l’impaccio dei lacci è molto ridotto.

La parte anteriore della tomaia è in pelle Made in Japan morbidissima. Probabilmente la pelle più morbida e ricercata presente sul mercato delle scarpette (e la qualità si paga infatti. 300€ la versione delle Morelia Neo 3 Beta Made in Japan: 100€ in più della versione classica).

La versione passata già offriva una grande sensibilità al momento del calcio. Quella del 2020 è veramente una chicca per palati fini. Vi invitiamo a provare qualche lancio con queste scarpette ai piedi: benessere!

I miglioramenti nella suola non sono tantissimi rispetto alle passate Morelia. In passato sconsigliavamo la Morelia sui terreni sintetici perché presentavano una tacchettatura troppo alta. Oggi abbiamo riscontrato meno problemi nel giocare su erba artificiale senza problemi ma il consiglio è sempre di usarle su sintetici di ultima generazione perché i tacchetti restano più alti rispetto a scarpe in versione AG dei competitor.

Comprale QUI!

Recensione Mizuno Morelia Neo 3 – Perché no

Non abbiamo da segnalare particolari mancanze per queste scarpe che ci hanno convinto in ogni aspetto. L’unica osservazione che ci teniamo a sottolineare riguarda sempre la scelta dei tacchetti. Come detto, i tacchetti delle Morelia Neo 3 sebbene adatti ai terreni sintetici, rimangono leggermente alti. Chi ama una tacchettatura più bassa in pieno stile AG potrebbe preferire un altro paio di scarpini. Per fare il definitivo passo in avanti e competere con gli altri top brand di settore il nostro consiglio alla casa giapponese è investire nello sviluppo di questo aspetto.

Recensione Mizuno Morelia Neo 3 – Conclusioni

La Morelia Neo 3 è veramente un capolavoro. Confrontandoci, siamo arrivati a definirla tra le scarpe migliori da utilizzare su un campo in erba tradizionale. Una scarpa leggerissima che offre una sensibilità fuori dal comune.

L’unico dubbio resta sempre sulla suola caratteristica delle Morelia che presenta una tacchettatura un po’ alta per i campi in sintetico.

Comprale QUI!