Collezionisti di maglie da calcio, intervista a Ivano Sorrentino

Collezionisti di maglie da calcio, intervista a Ivano Sorrentino

Continuiamo la nostra serie dedicata ai collezionisti di maglie ascoltando il racconto di un altro amico di footbAll Nerds: Ivano. 31 anni, originario di Castellammare di Stabia, vive a Düsseldorf (Germania) dal 2014. Ama il calcio e tifa sfegatatamente per Juve Stabia e Fortuna Düsseldorf.

Ma se state leggendo questo articolo è a causa di una delle sue più grandi passioni: collezionare maglie da calcio.

Ivano ha una collezione di (al momento) 360 maglie originali, che tiene esposte felicemente in salotto, con buona pace della fidanzata, che accetta più o meno pazientemente.

Descrivici la tua collezione in due frasi.

Se dovessi definire la mia collezione in poche parole la chiamerei “tutti i colori del calcio” o qualcosa del genere. Mi piace l’idea che tutte le squadre possano essere parte della collezione, avere Bayern e Real Madrid, ma anche una squadra di 5 serie portoghese o la maglia della nazionale dello Zimbabwe. Insomma sono un amante del “calcio romantico”  e nella mia collezione qualsiasi maglia e squadra è la benvenuta.

Diciamo che questo è il mio modo di mostrare il mio amore per questo sport!

Come hai iniziato a collezionare maglie di calcio?

Quello con le maglie di calcio è stato amore a prima vista. Sin da quando ho memoria sono sempre stato affascinato dai colori delle varie maglie. Ricordo che, già all’età di 4 o 5 anni, chiedevo spesso a mio padre (anche lui grande appassionato di calcio) di portarmi in un negozietto locale dove, per la bellezza di 10.000 lire, potevo comprare diverse maglie di calcio tarocche. Ricordo una a cui ero particolarmente affezionato: quella di Del Piero numero 7. Erano gli europei del 2000 e con tutti i miei amici avevamo comprato la maglia dell’italia falsa, era il nostro modo di sostenere gli azzurri!

Con il passare degli anni, e dei compleanni, mi capitava di comprare le prime maglie originali ma la collezione attuale l’ho iniziata proprio nel 2014. Trasferendomi in Germania sono venuto a contatto sia con il mio primo vero lavoro (e quindi più soldi da investire in maglie :D) sia con una cultura calcistica che mi ha fatto ancora di più venire voglia di collezionare.

Qui la maglia della squadra locale è un must e la vedi indossata anche normalmente in strada, dal neonato e fino al pensionato. Ci sono molte possibilità di comprare maglie a buon prezzo e quindi decisi di puntare forte su questo hobby, facendolo diventare una vera e propria passione!

Come mandi avanti la collezione, hai una programmazione annuale, mensile etc?

L’unico obiettivo che ho è quello di comprare/ricevere più maglie possibili e diventare il collezionista con più maglie al mondo! Cerco inoltre di darmi obiettivi annuali, ad esempio vorrei chiudere il 2021 ad almeno 450 maglie.

Spesso capita che ho un’idea nella mia mente su quelle che possono essere le prossime maglie che vorrei. Ma può anche capitare che vedo una maglia che non avevo in testa di comprare e la prenda. Inoltre, capita anche andare a “fasi”, in questo momento ad esempio sono in fissa per il calcio danese e le maglie Hummel. Ho comprato quella del Brondby e non vedo l’ora che arrivi!

collezionisti di maglie

Qual è stata la prima maglia della collezione e l’ultima?

Qui ho un aneddoto carino. Avevo 10 anni ed era la mia festa di compleanno. Ai miei allora compagni di classe di quinta elementare chiesi una maglia originale del Milan come regalo. Devo dire che il desiderio fu esaudito, mi comprarono la maglia che volevo. Il piccolo particolare era che la maglia era 3XL e quindi un vero e proprio “lenzuolo” impossibile da indossare sia all’epoca che oggi. Tuttavia la custodisco gelosamente nella collezione come ricordo, ancora mi chiedo perché comprare una maglia 3XL a un bambino di 10 anni… ma probabilmente fu l’unica che trovarono.

Le ultime (sempre nel momento in cui scrivo) sono una maglia del Liverpool di Owen della stagione 1997-98 (unica maglia Reebok della collezione!) e quella del Giappone versione “Tsubasa”. Chi non ha amato Holly & Benji?

collezionisti di maglie

Hai un pezzo ai quali sei più affezionato di altri?

A chi mi pone questa domanda faccio sempre lo stesso paragone: chiederesti mai a un padre/madre chi è il suo figlio preferito? 

Scherzi a parte, non ho una maglia preferita, tuttavia ogni volta che compro una maglia segno du un google doc sia le informazioni base (taglia, squadra, marca, etc) ma anche il preciso momento in cui l ho comprata, l’occasione o chi me l’ha regalata. È bello guardare le maglie nella vetrina e collegare molte a un ricordo, un periodo, un viaggio, una persona.

C’è un consiglio prezioso che vuoi dare ai collezionisti più giovani o meno esperti?

Mmm, sono sicuro ci siano in giro collezionisti più vecchi e saggi di me, tuttavia posso dare due semplici suggerimenti. Non pensare alle maglie come un oggetto tendenzialmente caro. Dalla mia esperienza vedo che molte persone vedono la maglia di calcio come quella cosa che costa 80/90€ allo store ufficiale della squadra. Non è soltanto così, uscite da questa mentalità!

Chi vuole iniziare a collezionare o semplicemente comprare maglie da calcio può guardarsi intorno su internet per scovare tante opportunità molto più economiche. Si può iniziare una collezione anche comprando maglie da 15€ o 20€ (ovviamente originali). È possibile, basta sapersi guardare intorno, avere dei siti di riferimento, andare negli outlet e frequentare gruppi di collezionisti sui social. Io stesso ho iniziato così.

Secondo, create la collezione come piace a voi. Vi piace collezionare maglie di una sola squadra, fatelo! Solo maglie del campionato cipriota? Perché no! Il bello di collezionare maglie di calcio è proprio quello che non c’è mai fine. Ogni anno escono nuove maglie, le squadre sono centinaia di migliaia e cosi via. Non c’è limite alla fantasia, per me è veramente qualcosa di magico!